Chi siamo Niqāb
la donna nell'Islām
Le nostre pubblicazioni

Terminologia islamica
e approfondimenti

Le fonti dell'Islām: il Corano e
la Sunna
Link

Questo sito è dedicato ai ‘figli’ di Abramo (ebrei, cristiani, musulmani) che pregano lo stesso Dio: l’Unico Creatore di tutti e in generale a tutte le persone di buona volontà, credenti o meno che siano, con l’augurio che si possa convivere in pace e nel rispetto reciproco non permettendo che interessi di altra natura disseminino odio e intolleranza tra la gente in nome della religione.

Più di quattordici secoli fa, in termini eloquenti, che non potevano essere quelli di un uomo illetterato che viveva in una terra arida, bensì quelli del Creatore unico che parlò ad Abramo, Mosè e Gesù, il Corano affermava:

 

basmala

jj

8 O uomini, in verità Noi vi abbiamo creato da un maschio e da una femmina e  
Noi abbiamo fatto di voi popoli (vari) e tribù a che vi conosceste a vicenda,
in realtà il più nobile tra di voi presso Allāh è colui che  più teme Iddio
(let. che ha più taqwā) e certo Dio è Onnisciente, Perfettamente informato.9

Corano, sura 49: ayāh 13.

L'Islām è sempre stato aperto al confronto interreligioso e interculturale e ha sempre accolto l'apporto delle altre civiltà, con esso compatibili. Esso riconosce il valore di tutto quello che vi si trova di buono e rispetta le differenze contrariamente alla falsa immagine che viene propagandata sempre più spesso da chi non ne conosce le Fonti e i principî.

At-Tarīq : per la conoscenza autentica dell’Islām

Lo scopo di questo sito, in shā’Allāh, è essenzialmente quello di far conoscere per chi lo desidera cosa sia l’Islām originario (scevro dalle deviazioni successive), quali ne sono le fonti e le regole principali.

Ricordando che

Facendo conoscere l’Islām per quello che è, intendiamo anche contribuire al superamento dell’ignoranza e del disprezzo reciproco che spesso vengono diffusi tra persone di diversa cultura e religione, augurandoci che ciò possa servire a una pacifica convivenza tra tutti, nella quale ognuno possa offrire il meglio di sé condividendolo con gli altri, pur mantenendosi fedele alla propria identità, in shā’Allāh.

A questo titolo è essenziale distinguere gli elementi della fede e della cultura musulmana universale dalle diverse tradizioni locali che si trovano nei differenti Paesi.

Tutto ciò che leggerete su questo sito è rigorosamente tratto dal Corano e dalla Sunna ed è frutto di un’analisi, bi idhni-Llāh, attenta e accertata delle Fonti islamiche.

Gli autori che scegliamo, vengono selezionati, non in base alla loro appartenenza a gruppi o movimenti, ma per la loro competenza e obiettività nei loro rispettivi campi di specializzazione nelle scienze islamiche.

Il nostro obiettivo, in shā’Allāh, è quindi tradurre e pubblicare scritti di autori seri e attendibili che fanno riferimento unicamente al Corano e alla Sunna e spiegano l’Islām in modo puro e giusto, scevro da faziosità, interpretazioni personali arbitrarie da condizionamenti culturali estemporanei.

At-Tarīq crede nell'importanza della conoscenza al fine che ognuno sia libero di scegliere e comprendere. Se la fonte è inquinata, l'albero non potrà che dare frutti marci.

At-Tarīq desidera in shā’Allāh far conoscere la realtà degli argomenti trattati, in modo obiettivo, semplice e scevro da ogni deformazione o condizionamento di qualsiasi natura. Sfatare i luoghi comuni e far risplendere l'oggetto della trattazione nella piena bellezza della sua naturale essenza. Garantiamo la serietà e la competenza dei nostri autori insieme al controllo sull'autenticità e l'obiettività degli scritti oltre che il controllo serio ed incrociato delle fonti.

At-Tarīq Edizioni

PRESENTAZIONE

At-Tarīq si propone in shā’Allāh, di pubblicare, tradurre e fare conoscere opere di riferimento riguardanti l’Islām, la sua cultura, i suoi insegnamenti, i suoi riferimenti, la sua storia e la sua civiltà.
La casa editrice si impegna, in shā’Allāh  a presentare questa religione universale in tutta la sua purezza, a partire dalle sue fonti che sono il Corano e la Sunna autentica del Profeta Muhammad A, così come gli insegnamenti dei sapienti sinceri e riconosciuti da tutta la comunità musulmana, lontano da ogni controversia e partito preso.
Essa desidera mettere a disposizione dei musulmani di lingua italiana la sintesi di anni di ricerche, concentrandosi su ciò che è essenziale, fondamentale e costruttivo e trascurando le opinioni non comprovate o troppo lontane dalla sana comprensione dei testi musulmani.

Va sottolineato che At-Tarīq non è affiliata ad alcun gruppo politico né ad alcuna corrente particolare ma sceglie ogni autore, indipendentemente dalla sua affiliazione, che trasmetta l’insegnamento islamico in modo obiettivo, serio e scevro da ogni spirito di parte o strumentalizzazione, in shā’Allāh.

 


 

At-Tarīq si dissocia dalle pratiche di alcuni regimi sedicenti islamici che ipocritamente e commettendo abusi opprimono a volte i loro cittadini, violando in certi casi i principi stessi dalla sharī‘ah.
Si dissocia anche da quei musulmani che, pretendendosi moderati, diffondono per ignoranza o per interesse idee errate e distorte sulla dottrina e sulle pratiche dell'Islām. Chi agisce in questo modo, poiché non praticante o indifferente, si comporta in modo indegno e provoca forme di discriminazione e intolleranza simili a quelle dei regimi suddetti.

Il giusto mezzo è il vero Islām che però non ha nulla a che fare con persone che si definiscono moderate mascherando con questo termine solo la loro scarsa pratica religiosa o la negazione di alcuni precetti  fondamentali cercando di mettere in cattiva luce chi è semplicemente praticante.

 

 

 




Precisiamo che:


l’Islām rispetta gli altri

In ultima istanza tutto il creato appartiene e dipende totalmente solo da Allāh, quindi un musulmano ha il dovere di rispettarlo integralmente, così come deve rispettare la dignità di ogni creatura ed evitare in shā’Allāh di compromettere i diritti di alcuno, Allāh a tal proposito ci mette in guardia dall’implorazione di chi subisce un’ingiustizia musulmano o non musulmano che sia, in questo senso il Profeta (A) riporta: 

‘…Temete l’invocazione dell’oppresso perché tra lui e Dio non c’è alcun velo.’
Hadīth riportato da al-Bukhārī e Muslim

quindi non c’è alcun disprezzo per chi non è musulmano né intendiamo fare proselitismo
perché soltanto Dio converte i cuori, mai gli uomini (tantomeno con la forza):

8Nessuna costrizione nella religione…9 Corano, s. 2: v. 256.

8Se il tuo Signore avesse voluto, avrebbero creduto coloro che sono sulla terra, tutti
totalmente, costringerai tu gli uomini fino a che siano credenti?9
Corano, s.10: v. 99.


8Ricorda, tu sei solo un ammonitore, non sei su di loro impositore.9 Corano, s. 88: v. 21-22.


8Non spetta a te (lett. non è su di te) la guida loro ma Allāh guida chi Egli vuole...9 Corano, s.2: v. 272.


8Non può un’anima credere se non col permesso di Allāh...9 Corano, s. 10: v. 100.


In qualsiasi caso, è raccomandata la conservazione dell’armonia e di essere equi:
i credenti vengono esortati a non lasciarsi condizionare dall’ira (odio, astio) che li
indurrebbe a comportarsi ingiustamente.


8O voi che credete, siate retti nei confronti di Dio, testimoni di equità, non vi induca a commettere
crimini l’astio di un popolo (tanto) da non agire con giustizia, siate giusti: ciò è più vicino
(conveniente) alla taqwā e temete Dio (abbiate la taqwā per Dio) certo Iddio sa perfettamente ciò che voi fate.9
8Allāh ha promesso a coloro che credono e compiono sālihāt (opere buone, integre, sane) un perdono e ricompensa immensa.9

[Corano, sura 5: āyah 8-9]

La lode appartiene ad Allāh Signore dei mondi.

Alcune precisazioni importanti

 

IL NOSTRO SCOPO

TRADUZIONE E PREPARAZIONE DEI TESTI